Promozione allatta­men­to al seno Svizzera

Informazioni generali

L’allattamento al seno sta ritornando di moda. Oggi molte madrisono consapevoli che nutrendo il loro bambino esclusivamente con latte materno durante i primi sei mesi gli danno l’alimentazione migliore che ci sia.

La raccomandazione universale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) è di allattare i bambini al seno in modo esclusivo per i loro primi sei mesi di vita e in seguito, anche dopo l’introduzione di adeguati cibi complementari, di continuare con l’allattamento fino ai due anni e oltre.

La Società Svizzera di pediatria (SSP) formula le proprie raccomandazioni in modo volutamente aperto e flessibile. L’allattamento esclusivo fino al sesto mese di vita è un obiettivo auspicato. L’introduzione di un’alimentazione complementare personalizzata in base alle esigenze può iniziare non prima del quarto mese di vita compiuto e deve comunque avvenire all’inizio del settimo mese.

L’allattamento al seno sta ritornando di moda. Oggi molte madrisono consapevoli che nutrendo il loro bambino esclusivamente con latte materno durante i primi sei mesi gli danno l’alimentazione migliore che ci sia.

Il latte materno è sano, comodo e inoltre è sempre e ovunque disponibile a temperatura adeguata e nella giusta composizione. Infatti, il latte materno si adatta automaticamente ai bisogni del neonato, sia nell’arco di una poppata (primo latte e secondo latte), sia durante la crescita del bambino. È composto d’acqua nella misura dell’88 per cento e inoltre contiene proteine, grassi, carboidrati, sali minerali, vitamine e ferro. Il latte materno fornisce al bambino le difese immunitarie e gli anticorpi della
madre proteggendolo dalle malattie. Rispetto al latte maturo, il primo latte dopo il parto, ovvero il colostro, è più ricco di proteine, e dunque anche di anticorpi, ed è quindi particolarmente importante.

L’allattamento al seno stimola un legame profondo tra la mamma e il bambino in quanto gli infonde affetto, vicinanza e calore. I bambini che sono stati allattati al seno sono meno soggetti al rischio di sovrappeso. Inoltre, l’allattamento al seno riduce il rischio di contrarre malattie cardiovascolari, ipertensione e allergie anche nelle fasi successive della vita e favorisce lo sviluppo ottimale della muscolatura del viso e della bocca, nonché di quella mascellare. L’allattamento al seno comporta dei vantaggi anche per la madre. Infatti, gli ormoni dell’allattamento favoriscono i fenomeni involutivi uterini, riducendo il rischio di emorragia successiva al parto. Nella maggioranza dei casi allattare rallenta la ricomparsa delle mestruazioni. Inoltre, il rischio di contrarre il tumore al seno si riduce. E non da ultimo, allattare è anche un risparmio per il portafoglio e l’ambiente.

    - FAQ domande più frequenti relative ad allattamento e lavoro

    - Legge e links



Indirizzo
de fr it en
0
Informazioni generaliDomande più frequentiAllattamento e lavoro                 >mamamap, allattare fuori casaPubblicazioneIndirizzi importanti